“Sei il biglietto da visita dell’azienda!”/ “You are the company’s bizcard!”

22 maggio 2014

Quante volte tu agente, consulente, commerciale, tecnico, che hai rapporti quotidiani col mercato ti sei sentito sentenziare questa pesante verità? Scambi a centinaia la tua business card con altri professionisti, per ritrovarti alla tua scrivania dopo estenuanti meeting, fiere e convegni con un cassetto pieno di biglietti da visita, così anonimi che non sono più sfruttabili! Chi era costui? Al massimo avrai scarabocchiato sul retro qualche informazione in più… E pensare che basta poco per rendere accattivante, originale, spiritosa una business card! Prendendo spunto dal proprio settore di attività, l’estrema volubilità del supporto cartaceo diventa il messaggio e il suo contenuto! Con fustellature, pieghe, stampe e tanti altri accorgimenti, il tuo biglietto da visita diventa così il tuo indispensabile alleato per comunicare al mondo il vantaggio competitivo della tua azienda!

“You are the company’s bizcard!”
This sentence has been heard at least once by all front office people by their boss. We distribute and exchange hundreds of business card to fellow professionals, and at the end of the day, after exhausting meetings, trade shows and conventions you find yourself with a pack of unidentified business cards. Who’s this guy again? Well, it is easier than you think to make eye-catching, original and efficient business cards! Taking inspiration from your business sector, the unique multifunctionality of paper matter becomes the message itself and its contents at the same time. With die-cutting, creasing, prints and many other easy tricks, your business card becomes your indispensable ally to communicate to the world the competitive advantage of your company!

https://fr.finance.yahoo.com/photos/les-cartes-de-visite-les-plus-originales-slideshow/

09659590-d06a-11e3-a033-019baff3e848_creative-business-cards-4-1-1

12ae9930-d06a-11e3-9223-a969d138418b_creative-business-cards-4-25

11ed9320-d06a-11e3-b56b-11f6c8466e04_creative-business-cards-4-13-1

La carta stampata crea valore/Printed paper creates value

12 maggio 2014

La carta si promuove… con la carta. Lo sapevate che la carta è un media sul quale ogni euro speso in pubblicità ha un maggior ritorno rispetto agli altri media? Oltre a essere vettore di cultura e libertà d’espressione, la carta aiuta più di qualsiasi altro mezzo la memorizzazione del messaggio, che sia pubblicitario, informativo, culturale… Questo vale per riviste e giornali, scolastica, fumetti e comics, cartelloni e inserti pubblicitari, leaflets, ecc.
www.printpower.eu

Printed paper creates value
Paper promotes itself… with paper. Did you know that a euro invested on paper for advertising has a greater return than any other media? Paper is a symbol of culture and freedom of speech, and helps memorizing the message, more and better than any other media. This is valid for advertising on billboards, newsprint, inserts or leaflets, as well as for information and culture on magazines, school books, comics, etc..
www.printpower.eu

metro_campaign_2013_ad_1_aotw

eco_designated_thinker_aotw

shortology_campagna_stampa_natale_20133

Viaggio tra i rulli a 60 all’ora: nasce un foglio di carta/A Journey between the rolles running at 60 per hour: the birth of a sheet of paper

16 aprile 2014

Le telecamere del Sole24Ore entrano nella cartiera Burgo Group di Sarego, alle porte di Vicenza, in un viaggio a 60 km orari tra i rulli e le presse di un impianto in grado di produrre un chilometro di carta al minuto trasformando 24 ore su 24 acqua e cellulosa in fogli di carta. “Un foglio di carta è in apparenza un oggetto semplice” spiega Luca Orlando “ma la sua realizzazione richiede investimenti in macchinari per centinaia di milioni di euro”.
Guarda il video

A Journey between the rolles running at 60 per hour: the birth of a sheet of paper
The cameras of the Sole24Ore (one of the most best-selling business, financial and regulatory information newspapers in Italy) enter the Burgo Group paper mill in Sarego, on the outskirts of Vicenza; a journey of 60 miles per hour between the rollers and presses of a plant that can produce a kilometer of paper per minute, transforming water and cellulose in sheets of paper twenty-four hours a day. “A sheet of paper is apparently a simple object,” explains Luca Orlando “but its implementation requires investment in machinery for hundreds of millions of Euros”.
Have a look at the video

collage sole24ok

IL NEWSWEEK TORNA SU CARTA, PER UN PRODOTTO E UN’INFORMAZIONE DI QUALITÀ – NEWSWEEK WILL RETURN AS A PAPER MAGAZINE: A QUALITY PRODUCT FOR QUALITY INFORMATION

13 febbraio 2014

o-NEWSWEEK-facebook

La lotta della carta contro il digitale non è sempre, come nell’immaginario comune si è abituati a credere, paragonabile a quella di Don Chisciotte contro i mulini a vento. A sfatare i luoghi comuni non sono solo campagne informative, che restituiscono alla carta, attraverso dati e nozioni reali, la buona reputazione che merita, sia in quanto a capacità comunicativa sia in merito alla sua sostenibilità ambientale. Ma anche la realtà di fatto come quello dell’annuncio da parte del direttore di Newsweek di un ritorno del giornale cartaceo, dopo un anno di assenza della testata americana dalle edicole. Il 2014 vedrà rinascere il magazine su carta con le dovute modalità che i tempi attuali richiedono: “Sarà un prodotto boutique molto speciale. 64 pagine basate più sulle vendite delle copie che sulla pubblicità”, ha spiegato il nuovo direttore Jim Impoco. Newsweek aveva smesso di uscire in edicola alla fine del 2012, e l’edizione su carta aveva lasciato il posto, dopo 80 anni a stampa, a un’edizione solo digitale. Un prodotto di qualità che i lettori sono disposti a pagare il prezzo che vale, è una buona notizia per un media stampato: significa che l’informazione di approfondimento trova nella carta il canale più adatto per essere divulgata, senza entrare in competizione con l’immediatezza dell’informazione su web che segue le proprie regole. Nessuna nostalgia quindi per i 3,3 milioni di copie di tiratura del Newsweek del 1991. Il 900 è finito. E con lui oggi siamo chiamati a far finire le antiche nostalgie. La carta stampata del terzo millennio è anch’essa un media nuovo, “on demand”, orientato alla qualità più che alla quantità, e che non morirà soppiantata dal digitale, ma vivrà di una sinergia sempre più strategica con una pluralità di canali, che insieme contribuiranno a distribuire un’informazione sempre più completa e puntuale.E se il magazine cartaceo rinasce come oggetto di culto e di lusso, non possiamo che lavorare perché il supporto su cui viene stampato raccolga in sé i valori, le prestazioni e i connotati estetici che si addicono a un prodotto di qualità!

NEWSWEEK WILL RETURN AS A PAPER MAGAZINE: A QUALITY PRODUCT FOR QUALITY INFORMATION
The fight of paper media against the digital technology is not always, as in the popular imagination has been accustomed to believe, comparable to that of Don Quixote against the windmills. To dispel the clichés are not only informative campaigns, which return to the paper, through real data and concepts, the good reputation it deserves, both in terms of communication power both on its environmental sustainability. But the reality of the facts as well confirms that: as in example the announcement by the director of Newsweek for a return of the printed magazine, after a year’s absence from the American newspaper kiosks. 2014 will witness the rebirth of the Newsweek on paper, of course, in the way that the current times require: “It will be a very special boutique product. 64 pages based on the sales of copies and no more on advertising,” said the new director Jim Impoco. The Newsweek had stopped going out on newsstands at the end of 2012, and the paper edition had left the place, after 80 years of printed issues, to the only digital edition. The return of quality product that readers are willing to pay the price it’s worth, is good news for a printed media: it means that the in depth articles find in the paper the most suitable channel to be disclosed, without competing with the immediacy of information on the web that follows its own rules. So no regrets for the circulation of 3.3 million copies of Newsweek in 1991. The XX century is ended and the printing paper of the third millennium is a new media: it is “on demand”, it aimed at quality rather than quantity, and it will not die supplanted by digital technology, but it will live a more strategic synergy with a plurality of channels, in order to distribute information in a more complete and accurate way. And if the paper magazine is reborn as a cult and luxury object, we will work because the media on which it is printed could represent its values, its performance and the aesthetic features that are suitable for a quality product!

Viscom 2013: tante novità per fare crescere il business/Viscom2013: plenty of novelties to boost business

30 ottobre 2013

viscom

Ottimismo e tanta voglia di uscire dalla crisi sono i segnali di fiducia che hanno caratterizzato l’edizione di Viscom Italia 2013, la fiera internazionale di riferimento per la comunicazione visiva, che si è svolta dal 3 al 5 ottobre nel quartiere fieristico di Fiera Milano Rho. Il bilancio dell’appuntamento italiano con la Visual Communication può dirsi positivo: i visitatori registrati sono stati 15.571, tra professionisti e operatori qualificati del settore, che hanno visitato nei tre giorni di manifestazione della 25a Mostra Convegno Internazionale di Comunicazione Visiva vedendola come occasione ideale per dare una spinta al mercato e creare nuove contatti di business.

Il cloud a servizio del wide format
Viscom Italia 2013 per HP ha rappresentato una vetrina per proporre novità e anteprime nazionali di prodotto destinate sia alla comunicazione visiva e sia alle applicazioni industriali. In fiera sono state presentate le nuove wide format full color HP Designjet Z5400, la nuova e rivoluzionaria superwide format HP Latex 3000 oltre alla nuova HP Scitex FB10000, lanciata in anteprima a Fespa 2013 e annunciata ufficialmente in Italia. In particolare la a nuova ePrinter PostScript HP Designjet Z5400, è la prima della serie dotata di doppia bobina di stampa di grande formato a offrire nuovi servizi di stampa che traggano i massimi benefici dal cloud e stampa da mobile. Questo plotter da 1,11 metri di luce di stampa offre le stesse prestazioni della serie HP Designjet Z con la disponibilità di funzionalità inedite come l’ingresso USB frontale per la stampa diretta di poster, immagini fotografiche, stampe retroilluminate, poster, manifesti promozionali per punti vendita, disegni al tratto e mappe.

Stampa e taglio in un unico device
Lo stand di Roland DG Mid Europe a Viscom 2013, ha registrato un’ampia affluenza di pubblico grazie alla presentazioni in anteprima nazionale e una panoramica sui servizi disponibili a corredo delle periferiche. Il tutto sotto lo slogan dedicato ai visitatori “Al centro di Roland ci sei tu”. Per la parte prodotti in anteprima, una menzione speciale per la nuova serie stampa&taglio VersaCAMM VS-i, plotter che integrando la funzione di stampa e taglio e i nuovi inchiostri ECO-SOL MAX2, rappresentano le periferiche più vendute nel settore per la stampa grande formato di durata a testimonianza dell’affidabilità e della versatilità della soluzione.

Il grande formato stimola la creatività
Da sempre leader nell’imaging di qualità, Fujifilm oggi può vantare linee di prodotto affermate come la gamma di stampanti Acuity. Star dello stand Fujifilm A Viscom è stata in particolare la stampante ibrida Acuity Led 1600, dotata di otto colori, del bianco per la produzione su supporti colorati e della vernice trasparente applicabile anche spot, rende possibile nobilitare gli stampati e riprodurre un’estesa gamma cromatica. Acuity Led 1600 è una stampante ink-jet UV dotata di una sorgente luminosa a LED per l’essiccazione degli inchiostri che garantisce applicazioni di lunga durata su materiali rigidi e flessibili fino a 13 mm di spessore e con larghezza pari a 1.610 mm. Non solo questa piattaforma è ideale per la realizzazione di poster e materiale per il punto vendita, ma si pone anche come un versatile dispositivo per progettisti e designer per dare vita ad applicazioni ad alto tasso creativo.

Nuove partnership nel wide format
Xerox ha partecipato a Viscom con il proprio partner Fenix Digital Group, per presentare la nuova Wide Format IJP2000. Lanciata lo scorso giugno, questa soluzione consente di rispondere alla crescente richiesta di poster per interni e riproduzioni di grande formato, insegne, grafiche per punti vendita e banner. Il nuovo dispositivo garantisce maggiore rapidità di stampa, prende a carico e produce un numero superiore di stampe in grande formato, incluse quelle generate da richieste dell’ultimo minuto permettendo agli stampatori di realizzare lavori di elevata qualità in minor tempo. Fenix Digital Group è un Graphic Communications reseller certificato Xerox per la distribuzione della nuova WF IJP2000

Anteprime anche nel formato A3
L’anteprima assoluta anche per il piccolo formato arriva da Oki, che ha lanciato una nuova stampante Led a toner nel formato A3 a colori che dispone, come quinto colore, del toner bianco o trasparente. Questa innovazione fornisce per la prima volta nel breve periodo una conveniente stampa digitale on demand in bianco e trasparente lucido, consentendo di produrre internamente una grande varietà di applicazioni di stampa esclusive a prezzi contenuti.

VISCOM 2013: PLENTY OF NOVELTIES TO BOOST BUSINESS
Optimism and a strong desire to put the crisis behind us are indications of the confidence that was evident at Viscom Italia 2013, the international trade fair for the visual communication market, which was held at the Fiera Milano Exhibition Centre in Rho from October 3 to 5. The results of the Italian trade fair can be considered positive: 15,571 registered visitors, both professional experts and certified operators in the field, visited the three-day 25th International Visual Communication Trade Fair, because they see it as an ideal opportunity to fire up the market and to create new business contacts.

Cloud at the service of wide format
For HP, Viscom Italia 2013 represented a shop window in which to showcase and preview product novelties for the Italian market, for both visual communications and industrial applications. The new wide format full colour HP Designjet Z5400, the revolutionary new superwide format HP Latex 3000 and the new HP Scitex FB10000 (which was previewed at Fespa 2013 and announced officially in Italy) were all presented at the fair. The new PostScript HP Designjet Z5400 ePrinter is the first of a series featuring the large two-roll printer that offers new printing services exploiting cloud and mobile printing. This plotter has a printing width of 1.11 metres and offers the same performance as the HP Designjet Z series, with new functions such as the front USB port for direct printing of posters, photographs, backlit prints, promotional POS posters, line drawings and maps.

Printing and cutting with a single device
The Roland DG Mid Europe stand at Viscom 2013 welcomed large crowds to presentations of novelties for Italy and a panorama of the services available to support devices. The stand sported a slogan for visitors: “Al centro di Roland ci sei tu” (You are at the heart of Roland). Where the product previews are concerned, a special mention must go to the new VersaCAMM VS-I printer-cutter series, plotters that combine printing and cutting functions, and the new ECO-SOL MAX2 inks, best-selling devices in the field of large format printers whose durability underlines the reliability and versatility of this solution.

The large formate stimulates creativity
Fujifilm has always been a leader in quality imaging, and today it can boast successful product lines like its Acuity printer range. The star of the Fujifilm stand at Viscom was the Acuity Led 1600 hybrid printer, which features eight colours plus white for use on coloured surfaces and clear varnish that can also be applied in spots, enhancing the printed product and reproducing a vast colour range. The Acuity Led 1600 is an ink-jet UV printer with a LED light unit to cure the ink, which guarantees long-lasting applications on rigid and flexible materials up to 13 mm thick and up to 1,610 mm wide. This platform is not only ideal for the preparation of poster and POS materials, but is also a versatile device for draughtsmen and designers, enabling them to create extremely creative applications.

New partnership in wide format
Xerox had a stand at Viscom with its partner Fenix Digital Group, where it presented the new Wide Format IJP2000. This printer was launched last June to meet the growing demand for indoor posters and large scale reproductions, signs, POS graphics and banners. The new device guarantees faster printing, and it can accept and produce more wide format jobs, including those generated by last minute requests, allowing printer operators to carry out top quality jobs in less time. Fenix Digital Group is a Graphic Communications reseller certified by Xerox to distribute the new WF IJP2000

Previews even in the A3 format
The absolute novelty where small formats are concerned came from Oki, which launched a new A3 colour LED laser printer, which features white or clear toner as a fifth colour. For the first time this innovation provides inexpensive digital printing on demand in white and clear gloss, making it possible to produce a wide range of unique printing applications in-house, at low cost.

ROTATIVE NATIVE DIGITALI – prima parte. NATIVE DIGITAL WEB PRESSES – Part 1

29 settembre 2013

KOG_Kodak_Prosper_Press_with_IOS

La stampa digitale a bobina non è certo una novità. Tra i big player del digital printing come Kodak, IBM (oggi Ricoh), Océ (ora Gruppo Canon), Xerox e Xeikon ci sono i pionieri di quello che era più comunemente definito il modulo continuo. Oggi, dopo le recenti evoluzioni della tecnologia – in particolare quella a getto di inchiostro –, possiamo parlare di rotative digitali: vere e proprie macchine da stampa che, sia per i volumi di stampa, sia per la produttività, ma anche per il fisique du role, inseguono prestazioni, applicazioni e quote di mercato delle antenate offset.

Lo stato dell’arte
Anche se le soluzioni a bobina ha avuto un grande sviluppo anche per quanto riguarda la tecnologia a toner la vera rivoluzione di questi ultimi anni è stata portare i vantaggi dell’inkjet, ovvero inchiostri base acqua, costi di gestione più contenuti e velocità e produttività, nel mondo della stampa high production. Con l’obiettivo di rendere i dispositivi web-feed capaci di cominciare a competere concretamente con le tecnologie tradizionali per applicazioni come la stampa editoriale (libri e manualistica), la produzione di quotidiani e in una parte della stampa commerciale.

In questo post e nei prossimi analizziamo le principali soluzioni a bobina high-end presenti sul mercato. Vediamo come si comportano le nuove rotative “native digitali” alle prese con formati tipologie e grammature di carta e scopriamo che le implementazione di questi sistemi da parte dei reparti di R&D delle aziende produttrici riservano grande attenzione al miglioramento della gestione dei supporti

HP Inkjet Web Press
Il primo sistema di stampa HP Inkjet Web Press ha fatto il suo ingresso nel panorama mondiale del printing a drupa 2008, da quel momento l’evoluzione tecnologica legata a queste soluzioni di stampa non si è fermata e oggi la piattaforma HP Color Inkjet si compone delle serie T200, T300 e T400, per un totale di sette modelli che spaziano dalla HP Color Inkjet T200 da alla HP Color Inkjet T410. Prendiamo a esempio il modello T230, in quanto è stato di recente installato presso il Centro Stampa Quotidiani Spa, di Erbusco (Brescia), la prima azienda di stampa italiana a a usare la HP T230 per la stampa di quotidiani sulla comune carta da giornale.

Basato sulla tecnologia di stampa a getto di inchiostro termico, questo sistema supporta un volume di stampa mensile fino a 50 milioni di impressioni per una velocità di stampa di 122 m/min in monocromatico e di 61 m/min. in full color. La larghezza di stampa raggiunge i 520,7 mm per una gamma di supporti compatibile che spazia dai 60 ai 125 g/mq, con possibilità di stampare anche su carte più sottili per applicazioni particolari. La famiglia HP Color Inkjet è compatibile sia con carte preventivamente trattate per la stampa digitale, ma l’applicazione di un Bonding Agent sulle aree che accoglieranno l’inchiostro consente, anche la stampa su carte comuni per la offset, comprese quelle con pasta di legno e quelle per quotidiani.

Kodak Prosper 5000XLi
La macchina da stampa a colori Kodak Prosper 5000XLi con tecnologia a getto di inchiostro continuo offre stampa in bianca e volta in quadricromia con un’ampiezza di stampa fino a 62,23 centimetri a velocità fino a 200 metri al minuto, con un ciclo di produzione mensile di 90 milioni di pagine formato A4 . Il sistema è in grado di produrre una qualità di stampa pari a quella del procedimento offset: con una qualità di output fino a 175 lpi su carte usomano, patinate e lucide con grammature comprese tra i 45 g/mq e i 300 g/mq.

La nuova versione implementata di Kodak Prosper 5000XLi combina le prestazioni collaudate di Prosper con la nuova tecnologia di gestione delle macchine da stampa che monitora e regola costantemente le impostazioni per garantire la massima qualità di stampa, e con il sistema IPS (Intelligent Print System), progettato per elaborare migliaia di dati relativi al processo di stampa e che consente di misurare le prestazioni, rilevare variazioni e apportare regolazioni in tempo reale. Questa ottimizzazione viene ottenuta indipendentemente dai diversi supporti utilizzati, dal contenuto delle immagini, dalla velocità della bobina e dalle condizioni ambientali.

Per ottimizzare ulteriormente continuità operativa e produzione, la macchina da stampa Prosper 5000XLi presenta alcune innovazioni nel sistema di trasporto che eliminano quasi del tutto le imperfezioni causate dall’allungamento e dallo spiegazzamento della carta. Tra gli sviluppi più importanti: un sistema di controllo dell’allungamento della bobina che usa rulli servoassistiti e algoritmi software per apportare regolazioni automatiche e rulli speciali dotati di nervature e altri dispositivi per ridurre le grinze della carta. Inoltre, le impostazioni dei rulli regolabili dall’utente in quattro punti consentono di rendere più scorrevole il flusso del supporto e agevolano la procedura di impostazione della macchina da stampa.

NATIVE DIGITAL WEB PRESSES
Web-fed digital printing is nothing new. Among the big players in digital printing, such as Kodak, IBM (nowadays Ricoh), Océ (now Canon Group), Xerox and Xeikon, we find the pioneers of the technique that was commonly referred to as continuous feed printing. At the present time, based on the latest technological developments – with special regard to inkjet printers –, we can speak of digital web printers: real printing presses that, on account of print volumes and productivity, but even for their physique du rôle, run after the performance capabilities, applications and market shares of their offset precursors.

State of the art
Even though web-fed solutions have profited from major developments in terms of toner technology, the real breakthrough that occurred in recent years consisted of transferring to high production printing the advantages of inkjet printing, i.e., water-based inks, lower operating costs, higher speeds and greater productivity. The aim was to improve web-fed devices to the point of being competitive in applications that have always been a prerogative of traditional printing techniques, i.e., books and manuals, daily newspapers, some commercial printing.

In this post and in the next ones we analyse the most important high-end webfed solutions currently available. We examine the behaviour of the new “native digital” web presses in dealing with different paper sizes, types and weights. We shall find that in implementing these systems, the R&D departments of the manufacturing companies devote their utmost attention to advances in support of functionality and handling.

HP Inkjet Web Press
The first HP Inkjet Web Press printing system made its world debut at the 2008 edition of Drupa, and since that time the technological development of these printing solutions has gone on incessantly. Nowadays, the HP Color Inkjet platform is comprised of series T200, T300 and T400, to a total of seven models ranging from the HP Color Inkjet T200 to the HP Color Inkjet T410. Let us take a closer look, for instance, at the T230, a model that was recently installed at Centro Stampa Quotidiani Spa, in Erbusco (Brescia), the first printing centre in Italy to use an HP T230 to print daily newspapers on ordinary paper.

Based on thermal inkjet technology, this system supports a monthly print volume of up to 50 million impressions and a speed of 122 m/min in mono and 61 m/min in full colour. Print width can be as high as 520.7 mm over a range of compatible supports handling paper weights from 60 to 125 g/m2, while lighter paper can also be used for special applications. The HP Color Inkjet family is compatible with papers treated beforehand for digital printing, while applying a bonding agent to the ink-receiving areas makes it possible to print on the ordinary paper commonly used for offset printing, including newsprint and wood-pulp containing paper.

Kodak Prosper 5000XLi
The Kodak Prosper 5000XLi colour press with continuous inkjet technology offers 2-sided four-colour printing capabilities, over a print width of up to 62,2 cm at speeds of up to 200 m/min, with a monthly production cycle of 90 million A4 sized pages. The system is able to achieve a print quality equal to offset printing quality: reaching an output quality of up to 175 lpi on a wide range of uncoated, coated papers from 45 g/m2 and 300 g/m2.

A newly implemented version of the Kodak Prosper 5000XLi combines the well-tested performance capabilities of Prosper presses with the new printing control technology that continuously monitors and adjusts the settings to ensure the highest print quality, and the new Intelligent Print System (IPS), which is designed to process thousands of inputs to monitor performance, detect any variations and make the necessary adjustments in real time. This optimisation is obtained irrespective of the different supports used, the contents of the images, web feed speed and environmental conditions.

To further optimise operating continuity and productivity, the Prosper 5000XLi press introduces a number of new features in its transport system, which virtually eliminate any page imperfections as may be caused by paper stretching and wrinkling. Among the noteworthy advancements we should mention: a web stretch control system using servo rollers and software algorithms to make automatic adjustments, and special ribbed rollers and other devices to ward off paper wrinkling. Furthermore, roller settings can be adjusted by the users at four points to make the paper flow more smoothly and facilitate press set-up operations.

LE CARTE PER IL DIGITALE BURGO SONO CERTIFICATE PER HP INDIGO/DIGITAL BURGO PAPERS ARE CERTIFIED FOR HP INDIGO

25 luglio 2013

HP-Indigo_CertifiedSubstrate-logos

Nella vostra sala stampa avete in funzione una macchina da stampa digitale HP Indigo e volete conoscere la compatibilità delle carte digitali Burgo Group con questa tecnologia? Non serve effettuare prove di stampa: il Rochester Institute of Technology lo ha fatto per voi.

HP ha siglato un accordo con il Rochester Institute of Technology per la certificazione delle carte presenti sul mercato, sia quelle dedicate alla stampa commerciale sia alla produzione di etichette e packaging, al fine di validare la compatibilità dei supporti con la tecnologia HP Indigo. Questo programma consente alle cartiere, ad HP stessa e ai fornitori di prodotti stampati, che impiegano macchine HP Indigo anche di ultima generazione, di fare riferimento a una tabella che riporta i risultati di test che certificano le prestazioni della carta nei confronti della tecnologia Indigo.

Dopo aver superato una breve valutazione screening iniziale presso il Printing Applications Laboratory del RIT, il supporto viene sottoposto a una valutazione più completa che ne valuta le prestazioni nel corso del processo di stampa. I parametri considerati sono tre: macchinabilità, la compatibilità e l’ancoraggio dell’inchiostro.  Una volta completato questo test approfondito, la compatibilità di una determinata carta viene mappata, consentendo potenziali utenti di avere le informazioni necessarie per valutare se il supporto  è conforme alle loro esigenze.

 

DIGITAL BURGO PAPERS ARE CERTIFIED FOR HP INDIGO

In your pressroom is operating an HP Indigo digital press and want to know the compatibility of this printing technology with the Burgo Group Digital Papers? No need to make proofs: the Rochester Institute of Technology did it for you.

 HP has signed an agreement with the Rochester Institute of Technology for the certification of most of the substrates on graphic arts market, both those dedicated to the commercial printing and the ones suitable for the production of labels and packaging, in order to validate the media compatibility with HP Indigo technology. This programenables substrate manufacturers, suppliers and HP Indigo digital press owners to evaluate substrate’s compatibility with HP Indigo Digital Color presses, referring to a table that shows the results of tests that certify the papers performances against the Indigo technology.

 After passing a short initial screening evaluation by RIT Printing Applications Laboratory, the substrate is passed on for a more comprehensive test looking at the performance of the particular substrate within the press. Parameters considered are three: runnability, blanket compatibility and ink adhesion/fixing. Once completed, a substrate’s compatibility is mapped, allowing prospective users to decide whether the substrate conforms to their needs.

FESPA 2013, MERCATO DEL WIDE FORMAT ANCORA EFFERESCENTE/FESPA DIGITAL 2013 THE WIDE FORMAT MARKET IS STILL GROWING

22 luglio 2013
L'area espositiva di Fespa 2013

L’area espositiva di Fespa 2013

Con un totale di 22 mila visitatori l’edizione 2013 di Fespa si è riconfermata come l’evento europeo di riferimento per il mercato della visual communication. La location londinese si è trasformata per cinque giorni nella capitale della stampa digitale di grande formato attirando l’attenzione di un pubblico anche extraeuropeo.

TENDENZE DEL GRANDE FORMATO DIGITALE
Quali sono le tendenze dell’industria del wide format in un momento in cui, tra tecnologie ormai consolidate in un mercato che per certi versi può dirsi maturo, emergono nuovi interessanti sviluppi?

Lo stato dell’arte del wide format si muove tra la conquista di nuove applicazioni finalizzate allo sviluppo di muovi modelli di business per i fornitori di prodotti stampati e la messa a punto di soluzioni più performanti in termini di velocità, di riduzione dei consumi e di attenzione per l’ambiente.

Da una parte questo comporta lo sviluppo di una sempre maggiore versatilità nella gestione dei supporti e una ricorsa all’automatizzazione dei processi per permettere al digitale di entrare sempre più nel mercato della stampa industriale.

A PROPOSITO DELLA VISUAL COMMUNICATION
D’altra parte la visual communication se non cresce dal punto di vista dell’espansione del mercato – almeno per quanto riguarda l’Europa occidentale – guadagna in possibilità di arricchire di valore aggiunto lo stampato. Si moltiplicano le soluzioni che propongono canali colore aggiuntivi indipendenti che possono erogare inchiostro bianco, vernici, inchiostri metallizzati o fluo per rendere le applicazioni più accattivanti dal punto di vista estetico. D’altra parte le evoluzioni tecnologiche si muovono da tempo per sostituire gli inchiostri a solvente a favore di formulazioni più amiche dell’ambiente come nel caso del latex giunto ormai alla sua seconda generazione. Ma non sottovalutiamo l’obiettivo della produttività: la versatilità nella gestione dei canali colore aggiuntivi e la ricerca di soluzioni tecnologiche innovative è sempre alla ricerca della velocità di stampa orientata alla produttività e di conseguenza alla crescita dei profitti.

ALCUNI ESEMPI ECCELLENTI
HP ha presentato a FESPA la terza generazione di tecnologie HP Latex, con la nuova e innovativa HP Latex 3000. Si tratta della nuova tecnologia roll-to-roll superwide format HP Latex, con luce di stampa da 3,2 metri, produttività e versatilità industriali adatte sia la mercato dell’indoor sia della stampa outdoor. Questa soluzione stampa in bobina fino a 77 m²/ora in alta qualità, con sei pass a sei colori di stampa applicazioni per interno, oppure fino 120 m²/ora con 3 pass a 6 colori su supporti per esterno. La qualità di stampa massima è raggiunta grazie a 1.200 dpi di risoluzione.

Il Gruppo Canon oltre alla nuova generazione di stampanti di grande formato UV flatbed Arizona, ha presentato Océ ColorWave 900 una soluzione iperproduttiva: introdotta come prototipo alla scorsa edizione di drupa, la sua produttività supera di 15 volte quella dei sistemi di stampa a getto di inchiostro presenti sul mercato: è infatti in grado di raggiungere la velocità di 1100 mall’ora per una luce di stampa di 42” (107 cm) e una qualità pari a 1600×1600 dpi con costi di gestione eccezionalmente competitivi.

Efi ha comunica la disponibilità in tutto il mondo della  Efi Vutek Hs100 Pro Uv: la nuova flatbed Uv di fascia alta è dotata dell’esclusiva tecnologia di imaging Efi Pin & Cure. Oltre a questo ha messo a punto un interessante sistema progettato per consentire agli specialisti del retail di misurare l’efficacia dei loro cartelloni. Si chiama SmartSign Analytics (SSA) e rileva automaticamente le informazioni fondamentali quali età, sesso e per quanto tempo la persona ha osservato la grafica.

Tra le tante novità presenti sullo stand di Durst la gamma di stampanti roll-to-roll Rho P10, nota per la sua qualità “fine art” coniugata con l’elevata produttività, aggiunge i vantaggi delle tecnologie Durst Variodrop e Greyscale.

Grande successo anche per Fujifilm che proprio a Fespa ha concluso una vendita: il  fornitore di servizi stampati specializzato nel mondo della comunicazione visiva e dell’allestimento, Rossetti Group è la prima azienda italiana ad aver investito nel nuovo modello da cinque metri di Uvistar Pro8 di Fujifilm introdotto a FESPA 2013.

 

FESPA 2013, THE WIDE FORMAT MARKET  REMAINS DYNAMIC
FESPA 2013 has reconfirmed itself as the key European event for the visual communications market with 22 thousand visitors. The city of London transformed into the capital of wide format digital printing for five days attracting the attention of a European and international audience.

TRENDS OF WIDE FORMAT DIGITAL PRINTING
Which are the trends of the wide format industry at a time in which, among consolidated technologies in a market which is to some degree mature, new interesting developments are emerging?

The state-of-the-art of wide format moves between conquering new applications in order to develop new business models for suppliers of printed products and fine tuning higher performing solutions in terms of speed, reduction in consumption and attention to the environment.

 On one side, this implies developing an ever greater versatility in support management and resorting to process automation to allow digital to enter increasingly into the industrial printing sector.

 VISUAL COMMUNICATIO
On the other, though the market of visual communications is failing to expand, at least as regards Western Europe, it is gaining in the possibility of enriching printed material with added value. The solutions proposing additional independent colour channels are multiplying which can distribute white ink, paints, metallised inks or fluorescent inks, to make the applications more aesthetically attractive. On the other, technological solutions have been moving for some time to replace solvent inks with more eco-friendly formulations as in the case of latex which is now in its second generation. However, let us not under-estimate the goal of productivity: the versatility in managing the additional colour channels and the research in innovative technological solutions is always in search of print speed directed at productivity and, consequently, to an increase in profits.

 SEVERAL EXCELLENT EXAMPLES
At FESPA, HP unveiled the third generation of HP Latex technologies, with the new and innovative HP Latex 3000. It is the new HP superwide Latex roll-to-roll technology, featuring a width path of 3.2 metres, productivity and industrial versatility suited to both the indoor and outdoor printing market. This high quality print solution in rolls of up to 77/m² /hr, with six-pass six-colour print mode for interiors, or up to 120/m²/hr with 3-pass 6-colour print mode on supports for outdoors. Maximum print quality is reached thanks to 1,200 dpi resolution.

 Canon, in addition to the new generation of wide format UV flatbed Arizona printers, presented Oce ColorWave 900 a hyper-productive solution: introduced as a prototype at the last edition of Drupa, its productivity exceeds 15 times that of inkjet printer systems currently on the market: it is able to reach a speed of 1100 m²/ hr for a width path of 42 inches (107cm) and a quality equal to 1600×1600 dpi with exceptionally competitive management costs.

 Efi announced the worldwide availability of the Efi Vutek Hs100 Pro Uv: the new UV high range flatbed printer is equipped with exclusive Efi Pin & Cure imaging technology. It has also fine tuned an interesting system designed to allow retail specialists to measure the efficacy of their billboards: It is called SmartSignAnalytics (SSA) and it automatically detects essential information such as age, gender and for how long the person has observed the graphics.

 The many innovations present at the Durst stand included the range of Rho P10 roll-to-roll printers, known for its “fine art” quality merged with elevated productivity, which adds the advantages of the Durst Variodrop and Greyscale technologies.

 Fujifilm also enjoyed great success at Fespa and even concluded a sale: the supplier of printed services specialised in visual communications and fit-outs, Rossetti Group is the first company in Italy to have invested in the new five-metre model of  Uvistar Pro8 di Fujifilm introduced at FESPA 2013.

CARTE BURGO DIGI, IL TAGLIO CHE FA LA DIFFERENZA / BURGO DIGI PAPERS, THE CUT MAKES THE DIFFERENCE

27 giugno 2013

L’eccellenza delle carte patinate per stampa digitale Burgo Experia Digi e Respecta 100 Digi, inizia nello stabilimento di Sora.

Grazie alla nuova macchina da taglio entrata in servizio all’inizio del 2013, la gamma Burgo Digi è in grado di rispondere alle più esigenti richieste di differenti formati.

Come si vede nel video, le bobine partono dal magazzino dei semilavorati per arrivare, con una lavorazione quasi interamente automatizzata, alle risme nei diversi formati e successivamente all’area di impaccamento, dove vengono confezionate 30 risme al minuto, che proseguono verso la linea di imballo sui pancali pronti per la spedizione in tutto il mondo.

Grazie all’efficienza di tutto l’impianto, i tempi di consegna si riducono, mantenendo gli standard di qualità a livelli di assoluta eccellenza del settore: Burgo Experia Digi e Burgo Respecta 100 Digi (certificata FSC® Recycled) garantiscono infatti le migliori performance di stampa sia per lavori di pregio, sia per le alte tirature.

Burgo Digi Papers, the cut make the difference

The excellence of coated papers for digital printing Burgo Experia Digi e Respecta 100 Digi begins in the establishment of Sora.

Thanks to the new cutting machine, in service since beginning 2013, the range of digital papers  Burgo Digi can meet the achievements of best printing results and a rapid and prompt responses for customer demands of different formats and delivery deadlines.

As you can see in the video, the paper rolls depart from intermediate warehouse to arrive to the cutting operations after an almost entirely automated process. Here the reams in different formats reach the area of packing, where they are wrapped at a rhythm of 30 reams per minute. The reams continue toward the packaging area, where they are placed on pallets to be shipped around the world.

Thanks to the efficiency of the entire system, the delivery time is reduced, while quality standards are at levels of excellence in the printing industry: Burgo Experia Digi and Burgo Respecta 100 Digi (certified FSC® Recycled) always guarantee the best printing performance for fine printing projects as for large print runs.

 

INKJET O TONER, IL FORMATO B2 PIACE ALLA STAMPA DIGITALE! / NEW FOCUS ON B2 DIGITAL PRINTERS, WHETHER INKJET OR TONER

7 giugno 2013

Prendiamo spunto dalla recente Grafitalia, che si è svolta dal 7 all’11 maggio 2013, per indagare lo stato dell’arte delle soluzioni di stampa digitale di produzione con alimentazione a foglio e di quali formati e grammature di carta sono più congeniali questi sistemi.

Nonostante la tendenza a un primato di evoluzione tecnologica che propende per il digitale, nel settore delle arti grafiche rimane fortissimo il parametro di riferimento della offset sia per la comparazione dei risultati di stampa in termini di qualità sia naturalmente per le tipologie e i formati carta. Un esempio concreto è la recente rincorsa dei vendor del digitale formato più caro agli stampatori tradizionali il 50×70 e alla messa a punto di sistemi il più possibile compatibili con le carte convenzionali. Di seguito le specifiche tecniche.

Parlando di sistemi cutsheet il precursore fu Screen con il sistema di stampa duplex a getto di inchiostro full color Screen TruePress SX, presentato come prototipo a drupa 2008 e lanciato ad Ipex 2010. Questa macchina impiega inchiostri a pigmento base acqua ed è in grado di stampare nel formato B2, sulla maggior parte delle carte convenzionali offset senza pre trattamento, incluse le patinate, con grammature che spaziano dagli 80 ai 400 g/mq. TruePress SX stampa alla velocità di 1620 fogli B2 all’ora, che diventano 810 in duplex alla risoluzione di 1400×1400 dpi. Il sistema applica un coating con riserva detto “Seal” solo sulle parti stampate.

Dopo il debutto planetario a drupa 2012, HP Indigo 10000 Digital Press, è stata presentata per la prima volta al pubblico italiano a Grafitalia: questa una macchina da stampa digitale di qualità offset in formato B2 (750×530 mm), adatta per stampare una vasta gamma di lavori commerciali, prodotti con macchine tradizionali, che richiedono la qualità di stampa e l’elevata produttività che caratterizzano le macchine HP. HP Indigo 10000 Digital Press si avvale della tecnologia a toner e stampa fino a 3.450 fogli all’ora nella modalità di produzione standard e fino a 4.600 fogli colore all’ora nella modalità di produzione ottimizzata (Enhanced Productivity Mode) per un totale di volumi di produzione mensili fino a 2 milioni di fogli. Può stampare su supporti fino a 400 g/mq e una gamma di spessori compresa fra 75-450 micron/3-18 punti. Un alimentatore carta a pallet di 1 metro e due cassetti per la carta da 7.500 fogli consentono la produzione senza interruzioni.

Fujifilm Jet Press 720 è un sistema di stampa in grado di stampare su carta patinata offset standard, sia lucida sia opaca, e su alcune tipologie di carta non patinata che può essere trattata come un foglio offset, e quindi passare direttamente al sistema di finitura. Il sistema è progettato per applicare un primer sul supporto. Jet Press 720 prende il meglio della tecnologia offset, in termini di solidità e precisione nella gestione della carta in fogli (sino a B2), e aggiunge lo stato dell’arte della tecnologia inkjet per la produzione di stampe di grande qualità. Grazie alla tecnologia Samba, Jet Press 720 è in grado di stampare un foglio B2 in un singolo passaggio, con conseguente velocità di produzione fino a 1,3 secondi per foglio B2, e a una risoluzione di 1.200×1.200 dpi. Jet Press 720 è dotata di un dispositivo di alimentazione off set che regola automaticamente quando il formato carta viene selezionato, per una perfetta precisione di registro. La grammature compatibili spaziano dai 127 ai 300 g/mq.

NEW FOCUS ON B2 DIGITAL PRINTERS, WHETHER INKJET OR TONER

Taking our cue from Grafitalia - the graphic arts trade fair held in Milan from 7 to 11 May -, we review state-of-the-art sheetfed digital printers as well as the paper size and weight options that work best with these printers.

Despite a generalised trend that views digital printers at the forefront of technological progress, in the graphic arts sector, offset printing continues to be the benchmark when it comes to comparing the results in terms of print quality and choice of paper types and sizes. A tangible example of this is the attention paid by digital printer vendors to the paper size most commonly used by traditional printers, (50×70 cm), as well as a growing interest in fine-tuning printing solutions compatible with traditional paper types. The technical specs are discussed below.

In the cutsheet system sector, the forerunner was Screen, with the TruePress SX, the duplex inkjet full-colour machine unveiled as a prototype at Drupa 2008 and launched at Ipex 2010. This machine uses water-based pigment inks and supports the B2 format, which it can use without any pre-treatment being required on most of the paper types traditionally used in offset printing, including coated paper, and over a weight range of between 80 and 400 g/m2. The TruePress SX prints up to 1620 B2 sheets per hour, or 810 sheets in duplex format, with a resolution of 1400×1400 dpi. The system applies a protective coating – called “Seal” – to the printed areas.

After making its world debut at Drupa 2012, the HP Indigo 10000 Digital Press was presented to the Italian public at Grafitalia: this offset quality printer that supports the B2 format (750×530 mm) is suitable for a wide variety of commercial jobs – as are typically produced by means of traditional machines -, requiring the print quality and high outputs that HP machines can ensure. The HP Indigo 10000 Digital Press uses toner technology and features a production speed of up to 3,450 sheets/hour in standard mode and up to 4,600 colour sheets/hour in Enhanced Productivity Mode, resulting in monthly outputs of up to 2 million sheets. It supports paper weights of up to 400 g/m2 and a thickness range of between 75-450 micron/3-18 points. Uninterrupted production is ensured by means of a 1 metre (33 inch) pallet feeder and two 7,500-sheet capacity drawer feeders.

The Fujifilm Jet Press 720 is a printing system designed to use standard offset coated paper, whether gloss or matt, and several types of non coated paper, which can be treated like an offset sheet and dropped directly into the finishing system. Prior to printing, the system applies a primer to the paper. The Jet Press 720 embodies the best features of offset technology, in terms of stability and accurate management of the paper sheets (up to size B2) combined with state-of-the-art inkjet technology, for the production of top-quality printed materials. Thanks to SAMBA™ technology, the Jet Press 720 can print a B2 size sheet in a single pass, resulting in production speeds as high as 1.3 seconds per B2 sheet, with a resolution of 1,200×1,200 dpi. The Jet Press 720 uses an offset paper feed system that adjusts automatically to the paper size selected for superior registration accuracy. It supports a paper weight range from 127 to 300 g/m2.